Quali sono le differenze tra le due verietà di tè Bancha?

Il tè Bancha, noto anche come Common Tea, è un tè verde giapponese ricavato dalle foglie della Camellia Japonica.
Può essere assaporato in due differenti varianti conosciute come tè hojicha e tè kukicha. Il primo tè è ottenuto infatti dalle foglie essiccate e torrefatte della Camelia mentre il secondo è ricavato dalla tostatura delle fronde. Un’ulteriore differenza tra le due varietà sta nel fatto che il tè hojicha va lasciato in infusione per cinque minuti in acqua calda. L’infuso che ne deriva è di colore giallo oro e il sapore presenta una spiccata nota di affumicato, con retrogusto di frutta secca delicata e dolce. A differenza il tè kukicha deve prima bollire per una decina di minuti e poi riposare per un tempo equivalente. In entrambi i casi è consigliabile addolcire il tè senza l’impiego dello zucchero per non alterare il suo caratteristico sapore.

Come vengono lavorate le due varietà di tè Bancha?
Il tè Hojicha nasce a Kyoto attorno al 1920. Si dice che l’idea sia stata di un commerciante che, non riuscendo più a vendere un vecchio Bancha, lo tostò per trasformarlo in un tè nuovo.
Dal sapore morbido, delicato, non amaro, il tè Hojicha viene preparato con foglie della pianta del tè verde ottenute dopo la raccolta dei germogli che servono a preparare il Sencha. Le foglie sono raccolte, passate a vapore 2 – 3 minuti, arrotolate ed infine asciugate lentamente in forno per arrestare ogni processo di fermentazione; sono poi lasciate riposare un anno ed in seguito tostate delicatamente. Per questo motivo si presentano con un colore bruno. Tè dalle note proprietà depurative, alcalinizzante e digestivo, con un basso contenuto di teina.
Il Kukicha è ottenuto utilizzando i rametti più sottili della pianta del tè ed è conosciuto anche come Tè dei Tre anni. Rametti tostati 4 volte. Il Kukicha è praticamente privo di caffeina ed è la bevanda più consigliata per l’uso giornaliero. Contiene solo un decimo della teina del classico tè.
Il Kukicha è composto da una miscela di parti diverse della pianta del tè verde, rispettivamente, rametti di tre anni di età tagliati dalla parte inferiore della pianta, rametti più robusti raccolti ogni 10 anni e rametti sottili e foglie raccolte ogni anno. I vari rametti vengono asciugati all’aria aperta e messi a riposare un anno. Vengono tagliati, scelti secondo la dimensione e tostati per 15 – 20 minuti.

Il tè Bancha e le sue magnifiche proprietà:
Il tè Bancha ha un gusto fresco, deciso e dissetante con note lievemente amare. Rilascia nell’aria una piacevole fragranza di nocciole ed è ottimo in abbinamento ai prodotti dolciari. Può essere assaporato sia caldo che freddo rivelandosi un prezioso sostegno per l’organismo.
Il tè Bancha si caratterizza per un bassissimo contenuto di teina, In Giappone è considerato un ottimo tè da bere tutti i giorni ed anche un eccellente rimedio per i disturbi legati alla digestione.

Favorisce la digestione

Consumato durante o dopo i pasti questo infuso favorisce la digestione ed elimina eventuale senso di pesantezza o gonfiore.

Depura l’organismo


Come altre tipologie di tè verde, anche il bancha aiuta la depurazione dell’organismo e del fegato, il favorisce la diuresi e quindi l’eliminazione delle tossine. Berlo nel corso della giornata a più riprese consente di idratare il corpo e allo stesso tempo pulirlo dalle scorie.

Accellera il metabolismo

Nonostante sia quasi privo di teina, il tè bancha è una ottima bevanda in caso si voglia svegliare un metabolismo un pó lento. Anche in questo caso è consigliato berlo nel corso della giornata più volte.

Energizzante

Dona energia senza effetti collaterali. Il tè bancha è ricco di vitamine e minerali tra cui calcio e ferro, per questo è perfetto anche come bevanda energizzante consigliata un pó a tutti dato che non comporta gli effetti collaterali tipici di altre bevande come ad esempio il caffè che può eccitare troppo il sistema nervoso.

Antiossidante

Nelle foglie e nei rami dell’albero da cui si ricava il the bancha sono presenti diverse sostanze antiossidanti che si mantengono anche nel momento in cui si prepara la bevanda e sono quindi utili al nostro organismo per combattere i radicali liberi e prevenire l’invecchiamento della pelle ma è anche valido aiuto per i soggetti anemici.

Antibatterico


Grazie al ferro, calcio e vitamina A contenuta in questo tè, diventa un buon alleato per la salute del cavo orale: esercita infatti un’azione antibatterica prevendendo la formazione delle placca dentaria.